You are here: Home
Centro Controllo Materiali Edili S.r.l.

Ispezione Visiva Ponti

E-mail Stampa PDF





La gestione del patrimonio delle opere stradali riveste una sempre maggior importanza da punto di vista dell’ingegneria civile man mano che le infrastrutture invecchiano, a cui corrisponde un’importante incidenza sui bilanci dell’Ente Gestore: a tutto ciò si aggiunga che solo le poche opere recentemente costruite prevedono un Piano Manutentivo, che consenta al Gestore la programmazione di controlli ed interventi con l’evidente beneficio di un minor impatto economico, redatto dallo stesso progettista, così come sancito dai DPR n°554 del 21.12.1999 e D.P.R. n°207 del 5.10.2010.

Per le opere che non posseggano il citato Piano di Manutenzione, e sono la maggior parte in Italia, la responsabilità, così come l’onere di garantire il controllo, lo stato di conservazione e la sicurezza delle infrastrutture stradali, è dell’Ente Gestore: la Circolare del Ministero dei Lavori Pubblici n°34233 del 25.02.1991 - “Istruzioni relative alla normativa tecnica dei ponti stradali” al capitolo 9 recita “Gli enti preposti alla gestione delle strade ai vari livelli esistenti (strade statali, regionali, provinciali, comunali, vicinali) e, per essi, gli Uffici Tecnici competenti, devono avere conoscenza delle caratteristiche delle opere a loro affidate.




Tali conoscenze devono essere sostenute da adeguata documentazione tecnica, da istituire per ogni opera o per gruppi di opere, contenente tutti i dati salienti relativi al progetto, alla esecuzione, al collaudo, alla gestione. La necessità di assicurare le dovute condizioni di sicurezza dell’utente, esige una assidua attenzione da parte degli Enti Gestori al fine di garantire una buona e corretta conservazione delle opere: in tal senso vanno tenute in particolare considerazione la vetustà di molti ponti, la riclassificazione delle strade cui essi sono a servizio, l’aumento dei carichi circolanti”.

Al capitolo 9.3 viene indicato “Gli Uffici Tecnici delle Amministrazioni proprietarie delle strade, o alle quali la gestione delle strade è affidata, devono predisporre un sistematico controllo delle condizioni statiche e di buona conservazione dei ponti. La frequenza delle ispezioni deve essere commisurata alle caratteristiche ed alla importanza dell’opera, nonché alle risultanze della vigilanza.”

Al fine di supportare gli Enti Gestori, le Amministrazioni Pubbliche ed i relativi Uffici Tecnici il C.C.M.E. Srl mette a disposizione Tecnici, anche specificatamente formati e qualificati, in grado di fornire i sempre maggiormente richiesti servizi seguenti: “Catasto”, "Ispezione di Ponti e Viadotti", Verifiche sull’Esistente, di Vulnerabilità Sismica e Redazione di Piani di Manutenzione specifici per ogni struttura.




Servizio “Catasto”


Il servizio consiste nella ricerca e nella raccolta di tutta la documentazione disponibile e se necessario il rilievo geometrico, le caratteristiche costruttive, la restituzione grafica con fotografia aerea ed indicazione delle coordinate terrestri, della struttura stessa.


Servizio “Ispezione di Ponti e Viadotti”


Le Ispezioni dei Ponti vengono eseguite con estrema precisione e rigore da parte di Tecnici di comprovata esperienza professionale, qualificati dal Bureau Veritas ed in possesso dei relativi patentini abilitanti. Le Ispezioni consentono, con l’ausilio dei più recenti ritrovati tecnici, di individuare le cause di degrado di ponti, impalcati, tombotti e strutture in genere. L’attività d’ispezione e l’analisi critica dei risultati ottenuti, coadiuvati da eventuali prove distruttive e non distruttive, consente la programmazione di un piano di riparazione e manutenzione mirato.


Il servizio di verifica della Vulnerabilità Sismica


Il servizio ha come scopo fornire all’Ente Gestore il comportamento della struttura sotto azione sismica e quindi la programmazione di eventuali manutenzioni e/o ristrutturazioni mirate, a tutto vantaggio della sicurezza del suo utilizzo e dell’impatto economico sul bilancio.


Il servizio di Verifica sull’Esistente


Il servizio ha come scopo la valutazione del grado di sicurezza della struttura esaminata per mezzo di prove distruttive (come martinetti piatti singoli e doppi, prelievo di saggi di conglomerato cementizio e di armature, pull-off, misura della carbonatazione,…) e non distruttive (valutazione della resistenza delle armature e del calcestruzzo, prove di carico statico e dinamico,…). Questo servizio è quanto mai indicato quando non siano reperibili progetto e caratteristiche costruttive dell’opera da esaminare.


Collaborazione alla redazione di Piani di Manutenzione


Da richiesta specifica dell’Ente Gestore, da uno dei Servizi in precedenza descritti o dalla combinazione di più di questi, può sorgere la necessità di redigere un Piano di Manutenzione della struttura, che non prescinda dalla sicurezza in relazione ai carichi circolanti e dalla disponibilità economica dell’Ente Gestore: la pianificazione degli interventi ricopre un ruolo di fondamentale importanza considerato che molte strutture stanno avvicinandosi al limite della loro vita utile.

Dalla combinazione dei servizi descritti ed in particolare dai difetti riscontrati, può inoltre nascere la necessità di compiere delle vere e proprie campagne di monitoraggio di alcune particolari strutture: il C.C.M.E. Srl e i suoi tecnici sono in grado d offrire anche questo tipo di servizio.

 

Prove e servizi

Autorizzazione Marcatura CE

Galleria

Centro Controlli Materiali Edili S.r.l.

Le prove in sito e in laboratorio riguardano: calcestruzzi, acciai, barriere stradali, aggregati (anche Marcature CE), prove di carico (verifica strutturale), terre, geotecnica stradale, misti cementati, conglomerati bituminosi (anche Marcatura CE), bitumi e verifica di taratura